Come fare per.. Certificati


certificato art. 39 regolamento ce 2201/2003 sulle decisioni in materia matrimoniale e di responsabilità genitoriale
Scheda aggiornata al 10/08/2018
DOVE

Tribunale di Genova -  Ufficio Copie -  piano 11° stanza 89
Tel. 010 569 2987
Orario: lunedì – venerdì: ore 9,30 – 12,30

VEDI ORARIO ESTIVO

COS'E'

La parte che chiede o contesta il riconoscimento o che chiede una dichiarazione di esecutività  di decisioni, rese in uno Stato membro e da far valere in altro Stato membro, in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, deve produrre:

  1. una copia della decisione, che presenti le condizioni di autenticità prescritte;
  2. il certificato di cui all'articolo 39.

Questo certificato è rilasciato, su richiesta di qualsiasi parte interessata, dall'autorità giurisdizionale o dall'autorità competente dello Stato membro d'origine, utilizzando il modello standard di cui all'allegato I (decisioni in materia matrimoniale) o all'allegato II (decisioni in materia di responsabilità genitoriale)
Di esso non è richiesta alcuna legalizzazione.

Vedi scheda riconoscimento sentenze straniere

COME

Vedi modello di domanda

NOTA BENE

I  modelli utilizzati dall'Autorità giudiziaria  sono contenuti nella sezione "moduli".

I due documenti previsti dall'art. 37 (copia della decisione e certificato) vanno sempre presentanti entrambi, non richiedono traduzione, ne' legalizzazione (art. 52 stesso Regolamento (CE) n. 2201/2003)
Ai fini della trascrizione, tutte le notizie per questa sono presenti negli Allegati, per cui è sufficiente disporre del relativo testo in italiano, considerato che gli alegati hanno,  oltre a parti di testo, la loro indicazione, punto per punto, corredata da una codifica numerica.
Il Ministero Interno e' gia' intervenuto con circolare  24/2006 precisando come non sia  necessaria (e sarebbe una violazione pretenderlo) alcuna traduzione.

COSTO

Per il certificato  di cui all’allegato II –  relativo a decisioni sulla responsabilità     genitoriale  - occorre 1 marca da 16,00 e 1 da 3,87
Il certificato di cui all’allegato I -  decisioni in materia matrimoniale – è    esente  da bolli e diritti.

NOTA BENE

Per i casi previsti dagli artt.  6 [Convenzione di negoziazione assistita da uno o piu' avvocati] e 12 [Separazione consensuale, divorzi e  modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi all'ufficiale dello stato civile] della legge   10/11/2014  n° 162  (Misure urgenti di  degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile) il Ministero della Giustizia ha fornito chiarimenti in ordine  alla competenza per il rilascio del certificato art. 39 Reg. CE 2201/2003, necessario nel caso in cui una parte sia interessata a far riconoscere  o a far eseguire  l'atto contenente l'accordo in altro paese dell'unione Europea.
Vedi nota  Ministero giustizia- DAG-  Direzione Generale Giustizia Civile  - Ufficio I del 23/05/2018

E quindi:
1.  nel caso  di  separazione o divorzio o modifica effettuate davanti all’Ufficiale  di Stato civile (art. 12)   la competenza  è  dell’autorità amministrativa davanti alla quale  l’atto è stato formato
2. Nel caso di accordo di negoziazione assistita  (art. 6) conclusosi  con  il nulla osta o l’autorizzazione del PM, la competenza è della Procura della Repubblica;
3. Nel caso di accordo di negoziazione assistita  trasmesso al PM e da questo trasmesso al Tribunale per l’ udienza e successivo provvedimento, la competenza è del Tribunale medesimo.