Come fare per.. Minori


minori - adozione minorenni - casi particolari
Scheda aggiornata al 04/08/2014
DOVE

Presso il Tribunale per i Minorenni -  Viale IV Novembre, 4 –  Tel. 01059619241 –
orario: 9,00 – 12,00

COS'E'

E’ una procedura che interessa casi diversi da quello riguardante i minori dichiarati in stato di adottabilità e che si conclude comunque con sentenza del Tribunale per i Minorenni che, verificate le condizioni, decide sull’adozione di un minore.

RIFERIMENTI NORMATIVI

art. 44 sgg.  Legge 4 maggio 1983 n. 184 modificata dalla legge 28 marzo 2001 n. 149 (Diritto del minore ad una famiglia)

CHI

I minori possono essere adottati, anche in presenza di figli legittimi:
a) da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo , quando il minore sia orfano di padre e di madre; in questo caso l’adozione è consentita, oltre che ai coniugi, anche a chi non è coniugato. Se l’adottante è persona coniugata e non separata, l’adozione può essere disposta solo su richiesta di entrambi i coniugi. L’età dell’adottante deve superare di almeno diciotto anni quella di chi intende adottare;
b) dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell’altro coniuge;
c) quando il minore sia orfano di padre e di madre e con handicap accertato: anche in questo caso l’adozione è consentita , oltre che ai coniugi, anche a chi non è coniugato. Se l’adottante è persona coniugata e non separata, l’adozione può essere disposta su richiesta da parte di entrambi i coniugi. Quando il minore è portatore di handicap accertato, deve essere sentito il legale rappresentante in sua vece se il minore non può essere sentito a causa delle sue condizioni;
d) quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento pre- adottivo; anche in questo caso l’adozione è consentita, oltre che ai coniugi, anche a chi non è coniugato. Se l’adottante è persona coniugata e non separata, l’adozione può essere disposta su richiesta di entrambi i coniugi, l’età dell’adottante deve superare di almeno diciotto anni l’età dell’adottato.

CONDIZIONI

E’ indispensabile il consenso dell’adottando che abbia superato i quattordici anni.
Se l’adottando ha compiuto i dodici anni deve essere personalmente sentito.
Se di età inferiore deve essere sentito in considerazione della sua capacità di discernimento.
In ogni caso, se l’adottando non ha compiuto i quattordici anni, l’adozione può essere disposta solo dopo che sia stato sentito il suo legale rappresentante.
Per l’adozione è necessario l’assenso dei genitori e del  coniuge dell’adottando (salvo particolari casi e comunque nell’interesse dell’adottando)

INOLTRE

L’adozione produce i suoi effetti dalla data della sentenza che la pronuncia. Fino a quel momento l’adottante o l’adottato possono revocare il loro consenso.
Se uno dei coniugi muore dopo la prestazione del consenso e prima della emanazione della sentenza, l’altro coniuge può chiedere il compimento, a suo nome, degli atti necessari per l’adozione e questa produce i suoi effetti dal momento della morte dell’adottante.
 
Se il minore è adottato da due coniugi,  o dal coniuge di uno dei genitori, la  responsabilità  sull’adottato ed il relativo esercizio spettano ad entrambi

COME

Con domanda in carta semplice diretta al Signor Presidente del Tribunale per i Minorenni del distretto di Corte di Appello dove si trova il minore con indicate le complete generalità degli adottanti, dei genitori di questi e degli ADOTTANDI e dei genitori di questi ultimi se figli di genitori noti.

DOCUMENTI

da depositare (tutti in carta semplice):

- in caso di minori stranieri la copia dell’atto di nascita con relativa traduzione;
-  copia dell’eventuale decreto di nomina del tutore;
-  copia  della  sentenza  di separazione e di divorzio dei genitori dell’adottando/a;
-  eventuali altri provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria.

COSTI

La procedura è esente da spese per bolli e diritti.

ITER

Il Tribunale per i Minorenni, verificato che il richiedente o i richiedenti abbiano diritto a chiedere l’adozione, e che questa corrisponda all’interesse del minore, sentiti i genitori dell’adottando dispone accurate indagini sull’adottante, sul minore e sulla sua famiglia per accertarsi che l’adozione sia favorevole all’adottando sotto ogni profilo. Sentiti il pubblico ministero, l’adottante e l’adottato, pronuncia la sentenza.
Se l’adottato ha beni propri, l’amministrazione degli stessi, durante la minore età dell’adottato, spetta all’adottante il quale non ne ha l’usufrutto legale, ma può impiegarne le rendite per le spese di mantenimento , istruzione ed educazione del minore.
L’adottante deve fare l’inventario dei beni dell’adottato e trasmetterlo al giudice tutelare entro 30 giorni dalla data di comunicazione della sentenza di adozione.
La revoca dell’adozione può essere richiesta dall’adottante in particolari casi o dal pubblico ministero in conseguenza della violazione dei doveri degli adottanti.
Gli effetti dell’adozione cessano quando passa in giudicato la sentenza di revoca.